Iscriviti alla newsletter!Culture - Viaggi - Popoli - Terre

PROPOSTE DI VIAGGIO

Mete Date Referenti viaggio Note
Senegal agosto 2019 Contatto
Serengeti e Lago Vittoria tutto l'anno Contatto

Una casetta indipendente, a fianco dell’Orfanotrofio Hisani, sarà a vostra disposizione.

Tanzania per tutti! tutto l'anno Contatto

Viaggi con i Bambini

Nepal tutto l'anno Pierangelo Fabbri
Tanzania e Zanzibar tutto l'anno Michele Lanzoni

Viaggi per la Tanzania del Nord e la Tanzania del Sud, il Kilimanjaro Trekking e/o (solo) Zanzibar.

Madagascar tutto l'anno Michele Lanzoni
Paraguay tutto l'anno Urbano Palacio

 

 

Il turismo rappresenta, dopo l’industria del petrolio, la principale attività economica nel mondo, proponendosi troppo spesso come fenomeno di consumo, disattento alla sacralità dei luoghi o popolazioni e disinteressato ad uno scambio rispettoso, finendo per confondere folclore con cultura, souvenir con produzione locale, elemosina con sviluppo e lasciando ben poco alle comunità che mettono a disposizione le proprie tradizioni e la propria identità.

Quando scegliamo una vacanza in un bel villaggio turistico a Santo Domingo o a Cuba, oppure in Thailandia o alle Maldive, o ancora in un loft nel cuore della savana africana o una crociera su una nave da sogno, qual è il nostro impatto ambientale e sociale? Cosa portiamo a casa o cosa lasciamo alle località o alle comunità visitate? A chi va quello che spendiamo per “comprare” la nostra vacanza?

Da alcuni anni in controtendenza ad un turismo di massa che finisce per impoverire le comunità locali, si sta diffondendo un nuovo modo di viaggiare, basato su valori quali rispetto, educazione, etica, giustizia, e che si propone un ruolo sociale e di sviluppo economico, rivalutando l’importanza di un incontro tra turisti e comunità visitate all’insegna del reciproco vantaggio: il TURISMO RESPONSABILE.

Particolare attenzione è data nel "turismo responsabile"  ad un'equa distribuzione del reddito tra tour operator e Paese ospitante: i viaggi si prefiggono l'obiettivo di lascire una buona quota del prezzo della vacanza presso il Paese di soggiorno, remunerando il più possibile la popolazione locale con la scelta di alberghi a gestione familiare o di ospitalità diffusa e andando a finanziare anche progetti di sviluppo. 

 


Il Blog di T-ERRE

Archivio vecchie notizie

 

 L'intervista <Dai viaggi "responsabili" si torna migliori> di Viversani e Belli | Abbiamo posto qualche domanda a Giorgio Gatta, presidente di T-ERRE Turismo Responsabile, l'associazione che si dedica da oltre dieci anni alla promozione del turismo responsabile, sotto forma di proposte di viaggio, eventi e formazione. ***Come organizzate i vostri viaggi? ***Non siamo organizzatori di viaggi, in quanto la legislazione italiana non lo permette, ma conosciamo bene i nostri partner che attraverso di noi promuovono i loro viaggi e, in taluni casi, li aiutiamo nello sviluppo dell'itinerario. Le nostre proposte lavorano da sempre in sinergia con i territori, attraverso enti e associazioni. La partecipazione a un nostro viaggio diventa quindi un sostegno diretto a una rete di micro-economia che intreccia gruppi, progetti, luoghi e buone pratiche in grado di creare responsabilità e senso d'appartenza. I viaggi che consigliamo vanno dai 10 ai 15 giorni; da Zanzibar all'Isola di Mozambico, fino a itinerari più impegnativi come lo Sri Lanka, il Nepal, la Tanzania e il Madagascar. Sosteniamo, inoltre, progetti in Mali e Burkina Faso. ***Quanto costa fare turismo responsabile? ***Costa un po’ di più per rispetto della filiera, un po’ come il mercato equo-solidale che ha sempre prezzi leggermente più alti rispetto alla grande distribuzione. Ma credo che il viaggiatore sia ben contento di avere la sicurezza che i suoi soldi vadano alla gente del posto e che non rientrino sotto forma di capitali nei Paesi europei, come spesso succede nel turismo di massa. ***Chi è il viaggiatore tipo? ***La fascia d’età va dai 25 ai 45 anni. Come prima cosa, chi arriva da noi è già consapevole di quello che lo aspetta. È un viaggiatore predisposto alla cooperazione con altre culture e altri stili di vita, pronto per l’avventura, ma non per questo gli si richiedono particolari condizioni fisiche: i viaggi sono adatti a chiunque e non si svolgono mai in condizioni estreme. Una cosa sicura, che tutti confermano, è che il viaggiatore che torna non è mai uguale a quello partito. È cambiato e ne ha ottenuto un suo beneficio di conoscenza e di riconoscimento nelle persone e dei luoghi che ha visitato. di Tiziano Zaccaria

 


Festa delle Culture Africane di VolontariA
Inserito da Michele Lanzoni venerdì 13 settembre 2019

Festa delle Culture Africane

Commenti(0)
XI Festa delle Culture Africane a Forlì
Inserito da Michele Lanzoni venerdì 13 settembre 2019

Torna la tradizionale Festa della Culture Africane di VolontariA!
Quest’anno ci saranno tante novità, all’interno della formula ormai consolidata.

Commenti(0)
La comunità musulmana aiuta i cattolici ad Antananarivo nello sforzo di accoglienza di Francesco
Les dons offerts par la communauté musulmane à l’occasion de la venue du Pape à Madagascar. Inserito da Giorgio Gatta sabato 07 settembre 2019

Marco Sassi, Presidente dell'Associazione Volontari Italiani per il Madagascar

Messa a Soamandrakizay: la comunità musulmana aiuta i cattolici ad Antananarivo nello sforzo di accoglienza di Francesco. Con la messa a disposizione di terreni, volontari, cibo e acqua, i musulmani stanno collaborando alla visita del Papa in Madagascar.

Commenti(1)
E’ una Karenjy la papamobile in Madagascar!
Inserito da Giorgio Gatta sabato 07 settembre 2019

Marco Sassi, Presidente dell'Associazione Volontari Italiani per il Madagascar

Chi si è domandato che razza di vettura fosse quella usata da Francesco, appena arrivato ad Antananarivo, trova qua la soluzione: è una Mazana II della Karenjy, la prima vettura costruita in Africa, già 30 anni fa, e ancora oggi è l'unica auto 4x4 prodotta in Africa...

Commenti(0)
Il lungo cammino come strumento educativo
Inserito da Giorgio Gatta domenica 25 agosto 2019

Camminare può essere uno strumento di crescita, di maturazione interiore. Lo dimostra il programma dell’Associazione Lunghi Cammini, che propone a giovani in difficoltà di mettersi in cammino per affrontare la propria vita e trovare nuovi equilibri e nuovi inizi.

Commenti(0)
Una nuova strada in costruzione in Madagascar
Inserito da Giorgio Gatta martedì 06 agosto 2019

Marco Sassi

Presidente dell'Associazione Volontari Italiani per il Madagascar

RN 43 Ambohibary - Faratsiho - Soavinandriana: una nuova strada in costruzione, pronta tra pochi mesi, da tenere in alta considerazione per nuovi itinerari turistici e agricoltura di qualità.

Commenti(0)
Il jazz italiano per le terre del sisma
Inserito da Giorgio Gatta sabato 03 agosto 2019

A tre anni dal terremoto che ha colpito il Centro Italia, l’Associazione I-Jazz con il contributo del Mibac e della SIAE presenta la prima edizione di “Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma – Marcia Solidale”, www.italiajazz.it un viaggio a piedi alla scoperta dell’entroterra di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo, per esprimere solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma, sostenere la micro-economia locale e mantenere alta l’attenzione attraverso un cammino a passo lento, uniti dalla passione e dall’amore per il linguaggio universale della musica.

Commenti(0)
Marcia Solidale in Jazz
Inserito da Giorgio Gatta sabato 03 agosto 2019

Un programma innovativo di musica, trekking e solidarietà diffuso nelle terre mutate dal sisma. Ogni giorno sarà caratterizzato da concerti Jazz gratuiti aperti al pubblico che si terranno dal 24 agosto al 1 settembre, da Camerino a L’Aquila.

Commenti(0)
Le pioggie monsoniche in Nepal
Inserito da Pierangelo Fabbri martedì 23 luglio 2019

Le pioggie monsoniche in Nepal causano la morte di una settantina di persone e più di diecimila sfollati.

Commenti(0)
La rivoluzione popolare di Sankara
Inserito da Giorgio Gatta domenica 14 luglio 2019

di Pietro Fucile - Non ha goduto della stessa notorietà di Gandhi, Mandela e Che Guevara ma, in questo periodo di superficialissimo “aiutiamoli a casa loro” e di mortificazione oltre misura delle ragioni del Mezzogiorno, la biografia del meno conosciuto Thomas Sankara è certamente un riferimento istruttivo da tenere bene a mente.

Commenti(0)
Pagina successiva >